Nelson Freire

Home Scarica foto Video

 

Nato in Brasile, Nelson Freire inizia a studiare il pianoforte all’età di tre anni con Nise Obino e Lucia Branco, che aveva lavorato con uno degli allievi di Liszt. Freire si esibisce per la prima volta a cinque anni con la Sonata di Mozart in La K.331. Nel 1957, dopo aver vinto una borsa di studio al concorso internazionale per pianoforte di Rio de Janeiro grazie alla sua esecuzione del Concerto “Imperatore” di Beethoven, si trasferisce a Vienna per studiare con Bruno Seidlhofer, già insegnante di Friedrich Gulda. Sette anni dopo vince la medaglia Dinu Lipatti a Londra, e il primo premio al concorso internazionale Vianna da Motta di Lisbona.

La sua carriera internazionale comincia nel 1959: Europa, Stati Uniti, America centrale e meridionale, Giappone e Israele. Collabora con brillanti direttori d’orchestra come Pierre Boulez, Riccardo Chailly, Charles Dutoit, Valery Gergiev, Eugene Jochum, Fabio Luisi, Lorin Maazel, Kurt Masur, Rudolf Kempe (con tour negli Stati Uniti e Germania con la Royal Philharmonic Orchestra), Vaclav Neumann, Seiji Ozawa, André Previn, Gennady Rozhdestvensky, David Zinman, Hugh Wolff, Ingo Metzmacher, Yuri Temirkanov, Myung-Whun Chung, I. Volkov, A. Vedernikov, A. Wit, J. Belohlavek, Tugan Sokhiev, Jean-Claude Casadesus, Leopold Hager, Louis Langree, Thomas Dausgaard.

È invitato da orchestre prestigiose come i Berliner Philharmoniker, Leipzig Gewandhaus, Munich Philharmonic, Bayerische Rundfunk, Concertgebouw Orchestra di Amsterdam, Rotterdam Philharmonic, Orchestra della Radio Danese, St. Petersburg Philharmonic, Tonhalle Orchestra di Zurigo, Vienna Symphony, Royal Philharmonic, London Symphony, BBC Scottish Symphony, BBC Symphony, Israel Philharmonic, Czech Philharmonic, Seoul Philharmonic, Orchestre National de France, Orchestre de Paris, Radio France Philharmonic, Orchestre de la Suisse Romande, cosi come le Orchestre americane di Baltimora, Boston, Chicago, Cleveland, Los Angeles, Montreal, New York, Philadelphia… Nel 2003 intraprende un tour in Giappone insieme a Martha Argerich, nel 2004 è in Brasile e Argentina e nel 2005 negli Stati Uniti (New York, San Francisco, Philadelphia, Québec).

Nelle ultime stagioni ha suonato in untour europeo con l’Orchestra di Tolosa (Tugan Sokhiev), poi concerti con l’Orchestre National de France (K. Masur), l’Orchestre de la Suisse Italienne (G. Albrecht), Concertgebouw Orchestra, la Galicia Symphony Orchestra (VP Marquez), la BBC Symphony Orchestra (L. Bringuier), un tour spagnolo con l’Orchestra Sinfonica Danese (Th. Dausgaard), un tour del Nord America con la Boston Symphony Orchestra, concerti con la Deutsches Symphony Orchester (I. Metzmacher), la TonKünstler Orchester, la London Symphony Orchestra (Sir Colin Davies), e recital in Francia, Paesi Bassi, Svizzera, Belgio, Spagna, Germania.

Freire incide esclusivamente con la DECCA; le sue più recenti registrazioni che includono Chopin, Schumann e il primo e secondo Concerto di Brahms con la Gewandhaus zu Leipzig sotto la direzione di Riccardo Chailly hanno ricevuto i premi più prestigiosi: Diapason d'Or dell’anno, Grand Prix de l'Académie Charles Cros, Choc du Monde de la Musique, 10 di Repertoire, Classica. Le più recenti registrazioni sono: Sonate di Beethoven (Diapason d'Or del mese), i Preludi e Children’s Corner di Debussy. Nel 2011 esce il Cd Harmonie du Soir dedicato a,Liszt e successivamente un disco dedicato alla musica brasialiana, “Brasileiro”. Nel 2014 intraprende l’integrale dei Concerti di Beethoven con la Gewandhaus di Lipsia diretta da Riccardo Chailly. Il documentario "Nelson Freire" si può trovare in Video Film (Brasile).

Nel 2007 è nominato Commandeur des Arts et des Lettres dal Governo francese.

Nelson Freire è “Solista dell’anno 2002” nei Victoires de la Musique francesi, e riceve nel gennaio 2005 uno speciale “Premio Onorario” per la sua carriera. La sua incisione di Chopin viene nominata per un Grammy Award nel 2006. I suoi concerti di Brahms con Riccardo Chailly sono in lista per i Grammy Awards del 2007, e vincono il “Record of the Years” e “Winner of the Concerto Category” agli Classic FM Gramophone Awards del 2007.