Les Musiciens du Louvre, Marc Minkowski

Home Video Vai al sito

 

Fondato nel 1982 da Marc Minkowski, les Musiciens du Louvre - Grenoble (artisti in residenza al Centro Culturale di Grenoble dal 1996) sono strettamente associati con il revival della musica barocca in Francia, ma anche più generalmente con l’interpretazione su strumenti originali e lo stile esecutivo d’epoca. Il progetto artistico dei Musiciens du Louvre - Grenoble è legato ad un nuovo approccio al repertorio sinfonico e operistico dal periodo barocco alla musica moderna. Questo approccio fa dei Musiciens du Louvre - Grenoble una delle più versatili, inventive e originali orchestre del mondo. L’orchestra si è distinta per l’interpretazione di Handel, Purcell e Rameau, ma anche di Haydn e Mozart. Da questa direzione è partita per approfondire repertori successivi, con particolare predilezione per la musica francese dell’Ottocento: Berlioz (Symphonie Fantastique, Nuits d’été, Harold en Italie), Offenbach (La Belle Hélène, La Grande Duchesse de Gerolstein allo Châtelet), Bizet (Carmen e Arlésienne) e Gabriel Fauré (musica per il teatro).

L’opera è diventata una delle attività principali, da Monteverdi (L’incoronazione di Poppea nel 2000 al Festival di Aix-en-Provence), Gluck (Armide nel 1992), Mozart (Il flauto Magico alla Ruhr Triennial, Il ratto del Serraglio a Aix-en-Provence, Mitridate nel 2005 per il debutto dei Musiciens al Festival di Salisburgo), Iphigénie en Tauride di Gluck all’Opera  di Parigi e Carmen di Bizet al Teatro Châtelet  (maggio 2007). L’alta qualità dell’ensemble gli ha fruttato molti importanti tour in Europa dell’est, Asia e Stati Uniti.

Nel 2005, Marc Minkowski ha creato l’Atelier des Musiciens du Louvre (diretto da Mirella Giardelli fino al 2008) per sviluppare collaborazioni culturali nella regione allo scopo di attrarre un nuovo pubblico ai concerti orchestrali della stagione. Concerti in forme originali, progetti pedagogici e concerti per i giovani sono al centro dell’attività dell’Atelier.

Les Musiciens registrano per Naïve. La prima registrzione, con Arlésienne e brani da Carmen di Bizet, è stata pubblicata nel marzo 2008. La Messa in Si minore di Bach è il titolo successivo. Per Deutsche Grammophon sono precedentemente usciti Opera proibita con Cecilia Bartoli (2005), le Sinfonie 40 e 41 di Mozart, Offenbach romantique, con il violoncellista Jerôme Pernoo).

L’orchestra è stata definite tra le migliori al mondo dal giornale inglese The Guardian e affronta il futuro con molti progetti in diversi repertori: da Wagner con Die Feen, nuova produzione allo Châtelet, a Caikovskij e Stravinsky a Grenoble, Parigi e all’estero.

 

Marc Minkowski

Il background familiare di Marc Minkowski è scientifico, musicale e letterario. Ha iniziato gli studi con il fagotto ed ha iniziato a dirigere molto giovane, studiando con Charles Bruck al Pierre Monteux Memorial School negli Usa. A vent'anni ha fondato Les Musiciens du Louvre, un ensemble specializzato nel repertorio barocco francese (Lully, Charpentier, Marais, Rameau, Mondonville) e poi di autori quail Monteverdi, Purcell, Handel, Gluck, Mozart, Haydn e Beethoven. L'orchestra si esibisce nei più importanti teatri francesi (Opera di Parigi e Lione, Châtelet, Théâtre des Champs-Élysées, Cité de la Musique, Salle Pleyel, Aix-en-Provence Festival) e in Europa (Londra, Amsterdam, Madrid, Vienna e Saisburgo).  A Grenoble dal 1996, Les Musiciens du Louvre, sono associati al prestigioso centro culturale MC2.

La sua carriera di operista si è sviluppata rapidamente e dal 1996 le opere di Mozart hanno un ruolo privilegiato: Idomeneo all'Opera di Parigi, Ratto del Serraglio e Mitridate al Festival di Salisburgo, Le Nozze di Figaro a Aix-en-Provence, Tokyo e Toronto, Il Flauto Magico a Bochum, Madrid e Paris, Don Giovanni a Toronto. L'opera francese è fondamentale per Minkowski: ha diretto Manon (Monte Carlo),  I Racconti di Hoffmann (Losanna, Lione), Carmen (Parigi, Brema), Pelléas et Mélisande (a Lipsia con la Gewandhaus Orchestra, poi con la Mahler Chamber Orchestra all'Opéra-Comique nel 2002).  Ha presentato anche La Dame Blanche di Boieldieu all'Opéra-Comique, Le Domino Noir di Auber alla Fenice, Cendrillon di Massenet alla Flanders Opera, Robert le Diable di Meyerbeer alla Berlin State Opera, e Offenbach con il regista Laurent Pelly a Parigi, Lione, Ginevra e Losanna (La Belle Hélène, Iracconti di Hoffmann, La Grande Duchesse de Gerolstein). Dal 2004 Marc Minkowski è regolarmente invitato all'Opera di Parigi dove nel giugno 2006 ha diretto una nuova produzione di Iphigénie en Tauride di Gluck che ha ricevuto un grande apprezzamente, in particolare per l'orchestra, Les Musiciens du Louvre-Grenoble. Nel 2007, sempre con la sua orchestra ha ottenuto un trionfo in una nuova produzione di Carmen al Châtelet Theatre di Parigi. Dal 2003 ha una relazione speciale con l'Opera di Zurigo, dove ha diretto Il trionfo del Tempo e Giulio Cesare di Handel, La Favorite di Donizetti, Les Boréades de Rameau, Fidelio (2007) e Agrippina (2009). Nelle stagione prossime dirigerà all'Opera, Châtelet, Opéra comique di Parigi, La Monnaie, Opera di Zurigo, Netherlands Opera a Amsterdam. Tra I grandi cantanti con cui lavora vi sono Cecilia Bartoli, Felicity Lott, Anne-Sophie von Otter, Magdalena Kozena e Mireille Delunsch.

Con I Musiciens du Louvre continua ad esplorare il repertorio sinfonico. Nell'autunno 2006 ha tenuto concerti in Europa con Les Musiciens du Louvre e le sinfonie londinesi di Haydn oltre che un tour in Sud America con le Sinfonie n. 40 e 41 di Mozart.  Oltre a Beethoven, Schubert, Mendelssohn e Brahms, si dedica a compositori francesi come Berlioz, Bizet, Chausson, Franck, Debussy, Fauré, Roussel, Poulenc, Greif e Lili Boulanger. Al Sacrum Profanum Festival di Cracovie ha diretto recentemente un programma Gershwin e uno con musiche di John Adams con Sinfonia Varsovia. Nel 2008 Minkowski diventa Direttore Musicale di Sinfonia Varsovia. E' stato recentemente invitato a dirigere la Staatskapelle Dresden, Berlin Philharmonic, Bavarian Radio Symphony, Los Angeles Philharmonic, Orchestre de Paris, Birmingham Symphony Orchestra, Deutschs Symphonie Orchester, National Orchestra of Spain e Cleveland Orchestra che lo ha reinvitato nella stagione 2008/9.

Nel 2007 ha firmato un contratto con Naïve: il primo disco comprende Arlésienne e estratti da Carmen di Bizet (marzo 2008). Naïve pubblicherà una biografia di Marc Minkowski scritta da Serge Martin. Precedentemente ha registrato per Deutsche Grammophon, Erato e EMI-Virgin. (Une symphonie imaginaire di Rameau, La Grande-Duchesse de Gérolstein di Offenbach e Opera proibita con Cecilia Bartoli, Sinfonie N. 40 e 41 di Mozart, musiche di Offenbach e un DVD della produzione di Mitridate a Salisburgo).

Nel 2004 Marc Minkowski è stato nominato Chevalier du Mérite dal Presidente Francese.